ATTIVITÀ FISICA: MEDICINA NATURALE PER IL NOSTRO ORGANISMO

Come ormai è noto, l’attività fisica è indispensabile per prendersi cura del proprio corpo e restare in salute. 

Sempre più persone negli ultimi anni praticano attività fisica dedicata al wellness, ovvero al benessere personale e al miglioramento dell’aspetto estetico.

Il movimento può aiutarci però anche nella prevenzione di alcune patologie, spesso molto comuni: dalle malattie cardiovascolari all’osteoporosi. Oggi vi spiego come.

Muoversi aiuta a restare in forma, a mantenere giovane l’apparato muscolo-scheletrico e circolatorio oltre che a perdere peso e tonificare la massa muscolare.

Svolgendo attività fisica regolarmente è possibile sia allungare la vita di svariati anni, sia migliorare la qualità della vita stessa.

Il movimento può essere, infatti, altrettanto efficace di un farmaco per prevenire e curare specifiche patologie. Ecco quali sono:

Attività Aerobica: Toccasana per cuore e polmoni

Dobbiamo distinguere tra due tipi di attività fisica: quella aerobica (che si attiva dopo circa 3-4 minuti di sforzo intenso e si stabilizza dopo 20), in cui il tessuto muscolare utilizza ossigeno per sintetizzare l’ATP, la molecola che fornisce energia all’ organismo; e quella anaerobica, in cui la sintesi di ATP avviene in assenza di ossigeno.

L’attività aerobica:

  • aumenta la richiesta di ossigeno da parte del corpo e aumenta il carico di lavoro di cuore e polmoni, rendendo cuore e circolazione più efficienti; un cuore allenato pompa una quantità di sangue maggiore senza dispendio supplementare di energia.
  • aiuta a tenere sotto controllo la pressione e previene l‘ipertensione. 
  • aiuta a prevenire e controllare il diabete di tipo II.
  • aiuta a tenere sotto controllo il colesterolo.

Per ridurre il rischio di malattia cardiovascolare si consiglia di svolgere un’attività fisica moderata, per esempio camminare o fare ginnastica, per almeno 30 minuti al giorno per cinque giorni alla settimana.

Consigli:

  • Iniziare gradualmente con una fase iniziale di riscaldamento, far seguire una fase centrale di allenamento dove faremo salire i battiti cardiaci, per terminare poi con una fase finale di defaticamento.
  • Bere sufficienti quantità di acqua prima, durante e dopo la sessione di esercizi fisici.

L’ importanza dell’esercizio fisico per la saluta del sistema Muscolo-Scheletrico: i benefici per l’ Osteoporosi

I soggetti con osteoporosi, malattia che causa una maggiore fragilità ossea con un più elevato rischio di fratturarsi, possono trarre beneficio dal movimento come ha confermato la stessa Società Italiana dell’Osteoporosi del Metabolismo Minerale e delle Malattie dello Scheletro (SIOMMMS).

Va prestata maggiore attenzione negli esercizi nei pazienti con osteoporosi che hanno già subito una frattura.

Lo scopo del programma di attività fisica è migliorare:

  • Postura
  • Equilibrio
  • Deambulazione
  • Coordinazione
  • Stabilità del tronco e delle anche

Consigli:

  • Iniziare l’esercizio con una fase di riscaldamento tra i 10-15 minuti, con esercizi di contrazione muscolare e movimenti articolari semplici, associati a camminata, marcia e passo laterale.
  • Scegliere esercizi che prevedano movimenti lenti e controllati evitando invece esercizi ad alto impatto come saltare, correre, sollevare le ginocchia saltellando, che possono aumentare la compressione della colonna vertebrale e danneggiarla.
  • Per il sollevamento dei pesi non bisogna flettere la schiena, ma le gambe, cercando di mantenere quanto più possibile la colonna vertebrale eretta.
  • Dedicare 5-10 minuti a tecniche di rilassamento muscolare alla fine dell’esercizio.

I benefici dell’attività sportiva per la prevenzione del Cancro

L’attività fisica svolge un ruolo di fondamentale importanza nella prevenzione di diverse forme tumorali tra le più diffuse: tumore del colon, della mammella e del polmone.

Studi dimostrano come l’insorgenza del cancro sia correlata a fattori quali obesità, sedentarietà, dieta poco sana per cui un’attività fisica moderata può rivelarsi efficace nel ridurre il rischio di tumore. L’attività fisica è efficace anche nella cura, attenuando la stanchezza e i sintomi più comuni oltre che a migliorare la risposta alle cure.

La pratica sportiva riduce l’elevata concentrazione di ormoni quali gli estrogeni, coinvolti nell’insorgenza di tumori comuni come quelli dell’utero, del seno e della prostata.

Aumentando la sensibilità dei tessuti all’insulina e accelerando il transito intestinale, lo sport favorisce l’immediato utilizzo degli zuccheri. 

L’attività fisica agisce anche a livello del sistema immunitario: i macrofagi e i linfociti natural killer, alcuni tipi di cellule essenziali implicate nel cancro, vengono infatti regolate nel numero e nell’attività, limitando il rischio di insorgenza del cancro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *